Pensieri di libertà Francesca Rigotti

Teorie del complotto

La rubrica di Francesca Rigotti

Image

Alzi la mano chi non ha mai pensato, di fronte a eventi e fenomeni privi di spiegazione soddisfacente, magari sensazionali come l’assassinio di J.F. Kennedy o l’attentato alle Torri Gemelle, che i fatti non sono proprio come ce li raccontano, che dietro le quinte una sorta di burattinaio manovri la scena, o semplicemente, per dirla con un proverbio popolare, che «gatta ci cova». Credo che tutti quelli che la mano non l’hanno alzata non apprezzerebbero di sentirsi accusati di essere dei complottisti, ovvero dei sempliciotti, se non proprio dei seguaci delle teorie vaghe, incomprensibili e non verificabili del movimento QAnon. Questo perché le persone che pensano che dietro eventi le cui spiegazioni ufficiali «non tornano» ci sia dell’altro, magari un complotto vero e proprio, sarebbero sostanzialmente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1