Dicevano che stesse arrivando l’inverno. Era il tormentone di una serie televisiva: Winter is coming. Sta arrivando. Stava arrivando. Nell’attesa, falsa, stiamo perdendo i nostri ghiacciai. Che sia l’estate, e non l’inverno, la stagione alle porte? Non servono grandi studi – ci sono, è il 2019 –, per capirlo, basterebbe guardarsi attorno, vivendo il territorio. D’altronde lì dove c’era il ghiaccio, oggi c’è roccia, lì dove c’era il Pizol, domenica ci sarà una targa, qualcosa che possa ricordarne la presenza. Poche parole, come quelle spese un mese fa in Islanda, in occasione del funerale dell’Okjökull, un altro ghiacciaio scomparso. «Ok è il primo ghiacciaio islandese a perdere il suo statuto di ghiacciaio, nei prossimi 200 anni si prevede che tutti i nostri ghiacciai facciano la stessa fine....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1