LA GIOSTRA DELLE TOFANE Tarcisio Bullo

Tiziano, lenti e tradimenti

In attesa che al Mondiale di sci tornino le gare vere, prendiamoci il tempo per un giro nella valle del Boite alla scoperta di un pezzo del Cadore

Image

Se il futuro dello sci alpino si identifica nell’insulso parallelo andato in scena ieri, in spregio ai più elementari principi che regolano la competizione sportiva, allora è meglio abbassare la saracinesca in attesa che tornino le gare vere e prendersi il tempo per un giro nella valle del Boite, che da Cortina scende fino a Pieve di Cadore.

Percorrendo la vecchia ferrovia delle Dolomiti, smantellata e trasformata in ciclabile, attraverseremo borghi antichi, scoprendo vecchie stazioni e fienili abbandonati ristrutturati, ma anche vette straordinarie come il trittico formato da Antelao, Pelmo e Civetta, tre giganti dolomitici che si spingono oltre i 3.000 metri.

Si racconta che il pittore Tiziano Vecellio, uno dei grandi artisti rinascimentali, mise a punto il suo celebre e inimitabile colore...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1