Il commento Fernando Lavezzo

Tokyo 2020: tra il giorno e la notte hanno vinto le emozioni

Nonostante le premesse facessero temere il peggio, sono state delle belle Olimpiadi - Merito dello sport e degli atleti, con la delegazione svizzera oltre le attese

Image

Vuoi vedere che sono state delle belle Olimpiadi? Nonostante il virus, le tribune vuote, l’asfissiante afa giapponese. Nonostante il rigetto della popolazione locale, spaventata dai contagi e dai costi. Nonostante un fuso orario sfavorevole che ci ha fatto perdere alcune gare importanti. O alcune ore di sonno. Chissà, forse è stato proprio il contrasto tra il giorno e la notte, tra il sol levante e la palpebra calante, tra il cielo stellato di Tokyo e l’ennesimo acquazzone ticinese, ad attenuare la percezione dei problemi e delle polemiche che accompagnano ogni edizione dei Giochi, figurarsi in tempi di pandemia. Forse, più semplicemente, il triste contorno è rimasto ai margini grazie alle emozioni regalateci dallo sport. Da quello svizzero, nel nostro caso. Tredici medaglie, dieci al femminile....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1