coronavirus Fabio Pontiggia

Tra gli Stati europei c’è la distanza politica

L’editoriale del direttore Fabio Pontiggia

Image

Uno spettacolo poco edificante offrono gli europei. Boris Johnson è in quarantena con la Brexit, dopo la virata. I capi di Stato e di governo arrancano nel definire una linea d’intervento all’insegna della condivisione degli oneri, per un’emergenza che è di tutti. L’olandese Rutte, ma anche l’austriaco Kurz, non ne vogliono sapere di dare una mano a Italia e Spagna. La Francia sì. La cancelliera cercherà la mediazione tra fondo salva-Stati ed eurobond, mentre Ursula von der Leyen è gelida come un ghiacciolo d’inverno. Il virus della verità ci dice così un’altra verità: non è tanto l’UE a non saper governare, sono gli Stati, ancora molto sovrani, a voler governare ciascuno per conto proprio, e male, nella casa comune. Ci fosse una Confederazione europea, come c’è una Confederazione elvetica,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1