Il commento Osvaldo Migotto

UE-Ankara, una poltrona per due

Il commento di Osvaldo Migotto sui rapporti tra l’Unione europea e la Turchia e il messaggio di discriminazione delle donne

Image

L’UE ha bisogno della Turchia, in particolar modo per il suo ruolo di freno ai flussi migratori diretti verso l’Europa, così come Ankara ha bisogno del Club dei 27 per dare ossigeno a un’economia in crisi profonda, attraverso il rafforzamento degli scambi commerciali. Buoni rapporti con il presidente turco Erdogan, per l’UE significa anche un allentamento delle tensioni nel Mediterraneo orientale dove, tra Turchia da una parte e Cipro e Grecia dall’altra, vi sono divergenze sull’estensione delle rispettive acque territoriali. Ecco perché martedì il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, si sono recati in Turchia per cercare di appianare i contrasti esistenti con Ankara su diverse questioni, a cominciare dal rispetto dei diritti...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1