Roger Federer non sarà mai un dato statistico, non sarà mai una questione di numeri. Un mese fa ha perso Wimbledon, lo ha perso in finale, perché doveva perderlo, perché così doveva andare, perché Novak Djokovic è stato qualcosa di più. Roger Federer non ha aggiunto un titolo al suo record, non si è spinto più in là, là dove molti guardano, anche chi lo nega, con la paura di vedere...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1