l’Editoriale Osvaldo Migotto

Un premio Nobel che invita ad essere solidali

Il contributo alla pace e alla legalità dei giornalisti investigativi Maria Ressa e Dmitri Muratov - L’editoriale di Osvaldo Migotto

Image

Il premio Nobel per la Pace attribuito quest’anno a due coraggiosi giornalisti, la filippina Maria Ressa, impegnata a denunciare gli abusi di potere e il crescente autoritarismo nel suo Paese d’origine, e Dmitri Muratov, che da decenni difende la libertà d’espressione in Russia, lancia un importante segnale all’intera comunità internazionale. La libertà di espressione è una condizione indispensabile per garantire la democrazia e la pace duratura, per cui vanno elogiati e difesi tutti i giornalisti che si battono per difendere questo diritto fondamentale.

In effetti, pur essendo intitolato a due persone attive nel campo dell’informazione, il Nobel per la Pace 2021, come hanno sottolineato i responsabili del Comitato Nobel norvegese, è dedicato a tutti i giornalisti che difendono con coraggio...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1