ventisei cantoni Moreno Bernasconi

Una guerra ortografica

La rubrica di Moreno Bernasconi

Image

Ci mancava solo la guerra dell’ortografia. Sull’onda (lunghissima) di una riforma lanciata nei lontani anni Novanta in Francia, la Conferenza dei direttori della pubblica istruzione della Svizzera francese e del Ticino ha deciso di introdurre dal 2023 nell’insegnamento del francese una serie di modifiche ortografiche che hanno suscitato immediatamente una nuova guerra linguistica. Non quella che vede contrapposti i fautori dell’inglese al posto delle lingue nazionali francese e italiano ma una guerra intestina tra fautori e oppositori di un’ortografia detta «rettificata» della lingua francese. La «rettificazione» dell’ortografia francese («ortographe rectifiée») decisa dalla Conferenza dei direttori (senza consultare i Parlamenti cantonali) è stata infatti massicciamente bocciata (con 39 voti...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1