Stati Uniti Gerardo Morina

USA, urge un contratto sociale

Il commento di Gerardo Morina

Image

Non basta, come hanno fatto recentemente sia il «New York Times» sia l’agenzia «Associated Press», decidere d’ora in poi di scrivere sempre «Black» con la B maiuscola per denotare l’etnia e non il semplice colore della pelle (ma perché, è legittimo chiedersi, lo stesso trattamento non è riservato anche a “2white»?) Nè serve a granché lasciarsi prendere da quella che in America hanno battezzato la «cancellation culture», deturpando o abbattendo statue e monumenti considerati politicamente scorretti, nel vano tentativo di punire la Storia, quando ciò che è stato è stato e i cambiamenti vanno ora semmai coniugati al futuro, passo dopo passo. Perché comunque qualcosa di diverso occorre fare, non certo con Trump ma con uno o più futuri presidenti, consapevoli che la questione razziale non deve...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1