Pensieri di corsa Filippo Rossi

Zombieland e la barretta

È iniziata la preparazione per la Gobi March del prossimo giugno in Mongolia

Image

Prendo l’aereo, corro al gate – fermandomi a mangiare l’hamburger (da buono sportivo) – mi imbarco, leggo, dormo (male, perché sono fuori misura), aspetto, atterro. Arrivo a Malpensa, la mia seconda casa. Corro per non fare la fila all’immigrazione, poi scatto a prendere la macchina al parcheggio e infine arrivo a Lugano. Andare all’aeroporto quanto è stressante? Più sei abituato a volare, più fai le procedure in modo automatico. Ma le vuoi fare veloce e quindi ti snervi quando le cose non vanno come avevi previsto. La cosa divertente è che andare all’aeroporto lo vedo ormai come fosse una gara: quante volte riesco a passare i raggi x senza suonare? Quanto ci metto dal gate all’uscita? Quanti secondi in meno ci metto ad arrivare all’aeroporto con la macchina? Posso partire mezz’ora più tardi?...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Commenti
  • 1