Chi sono gli zingari che vogliono integrarsi

CorrierePiù

La mediatrice della cellula cantonale Nadia Bizzini ci spiega i punti di contatto e le differenze tra gli jenisch e i migranti rom

Chi sono gli zingari che vogliono integrarsi
Area di sosta per nomadi jenisch al Seghezzone a Giubiasco. © CdT/Chiara Zocchetti

Chi sono gli zingari che vogliono integrarsi

Area di sosta per nomadi jenisch al Seghezzone a Giubiasco. © CdT/Chiara Zocchetti

Di nomadi si parla meno di qualche anno fa, oggi in Ticino. Sarà che – per fortuna – sono passati i tempi in cui qualcuno, irritato dalla loro presenza, rispolverava il fucile e sparava un colpo intimidatorio che andava a bucare una roulotte (ricordiamo episodi simili nel 2010 e nel 2004). Sarà che la situazione dei cosiddetti «zingari» non sembra causare disagi negli ultimi tempi. Ma il fenomeno del nomadismo non si è per questo estinto. E c’è chi l’ha studiato a fondo, come Nadia Bizzini (mediatrice culturale del Cantone e autrice del saggio Gli altri noi. Rom e residenti nella Svizzera italiana: etnografia e mediazione, Armando Dadò editore), che ci spiega una differenza importantissima che pochi conoscono: quella tra rom e jenisch.

Nadia Bizzini, ci aiuti a capire chi sono i nomadi «di casa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Corriere Più
  • 1
  • 1