«La droga ti cattura, ti lascia e ti riprende fra le sue braccia»

CorrierePiù

Una donna e tre uomini raccontano le loro esistenze legate a doppio filo con gli stupefacenti – Hanno un’età dai 50 ai 60 anni e fanno parte di un gruppo sociale emergente studiato dalla SUPSI

«La droga ti cattura, ti lascia e ti riprende fra le sue braccia»
© Shutterstock.

«La droga ti cattura, ti lascia e ti riprende fra le sue braccia»

© Shutterstock.

Quattro vite, quattro storie: dure, crude, raccontate senza giri di parole ma badando al sodo. Sono quelle di una donna e tre uomini irretiti dalla dipendenza da sostanze stupefacenti che ancora dopo decenni caratterizza il loro vivere quotidiano. La droga negli anni s’è portata via molti loro amici e conoscenti. Loro invece sono dei sopravvissuti che costituiscono oggi un nuovo gruppo sociale.

Hanno infatti fra i 50 e i sessant’anni e appartengono a quelle generazioni che dagli anni ’60-’70 del secolo scorso hanno vissuto, alimentato e pure subìto il boom delle droghe. A utilizzare sostanze hanno iniziato magari per semplice curiosità ma ben presto sono caduti nella dipendenza più totale. Ora sono diventati una categoria di anziani non strettamente dal punto di vista anagrafico ma per le problematiche...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Corriere Più
  • 1

    Con l’addio ai Concorde finì un’era

    Il decodificatore

    Il 10 aprile del 2003 British Airways e Air France annunciarono la cessazione dei voli con il primo aereo supersonico per passeggeri – Ne ripercorriamo la storia

  • 2
  • 3
  • 4

    La grande avventura del Canale

    il decodificatore

    Breve excursus storico sulla genesi dell’importante via d’acqua tornata agli onori delle cronache con l’incagliamento della nave portacontainer Ever Given

  • 5

    La Pasqua ebraica passaggio dal giogo alla libertà

    CorrierePiù

    Nella lingua del popolo d’Israele è detta Pesach e durante la tradizionale cena si commemorano la fuga dalla schiavitù in Egitto e l’inizio dell’esodo verso la Terra promessa – A farcela conoscere sono le parole di Micaela Goren Monti

  • 1
  • 1