La rivincita della collina dei Balabiott

Il commento

Dalle idee «eccentriche» espresse e dipinte novant’anni fa all’Elisarion di Minusio alle battaglie per i diritti LGBT di oggi

La rivincita della collina dei Balabiott
Un particolare del dipinto circolare «Il chiaro mondo dei beati» di Elisar von Kupffer. © elisarion.ch

La rivincita della collina dei Balabiott

Un particolare del dipinto circolare «Il chiaro mondo dei beati» di Elisar von Kupffer. © elisarion.ch

Chi pensasse che la battaglia sui sessi (vedi #Metoo), la comunità LGBT, la visione (per molti l’ideologia) del “gender” siano questioni nate negli ultimi scampoli della storia contemporanea, non ha mai visto Il “Chiaro mondo dei beati” o non ne conosce la genesi. “Chiaro mondo dei beati” è il titolo di un dipinto circolare, disposto cioè lungo le pareti di uno spazio espositivo a pianta rotonda, e rappresenta la summa del pensiero alternativo del suo autore, Elisar von Kupffer (1872-1942). La tela, realizzata negli anni ‘30 del secolo scorso era visitabile, in una sorta di pellegrinaggio su invito, all’Elisarion di Minusio dove è rimasta fino agli anni ‘70 per poi passare agli spazi espositivi del Monte Verità.

Col tempo si è deteriorata, al punto da richiedere un intervento di restauro. E...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Corriere Più
  • 1
  • 1