Lo psichiatra Michele Mattia (nella foto sotto) ci invita a riflettere sulle trappole della perdita del pensiero in tempo di pandemia, per evitare di entrare in una logica di fazioni contrapposte. «Abbiamo perso i cuscinetti sociali», ci spiega, «e assistiamo a una battaglia tra nuovi Messia». Vediamo perché.

Michele Mattia, il tema è caldo, anzi rovente. Che dire dello scontro sempre più virulento tra vax e no-vax?

«Sono favorevole alle vaccinazioni, io stesso le ho fatte. È la via che oggi ci può portare verso una nuova normalità, che però – sia chiaro – non sarà più quella di prima. Non lo sarà perché la pandemia ha avuto degli effetti importanti che a suo modo raccontò pure il Manzoni parlando della peste. Anche allora si pensava che ci fossero degli ’’untori’’. È un pensiero che sta influenzando...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Corriere Più
  • 1