«Ma quale oltraggio alle libertà? Le limitazioni tutelano i più fragili»

Misure per contenere il coronavirus

Il filosofo Fabio Merlini replica alle posizioni espresse sul Corriere la scorsa settimana dalla collega Francesca Rigotti

«Ma quale oltraggio alle libertà? Le limitazioni tutelano i più fragili»
In tempo di pandemia le strategie di contenimento sono diventate la nostra quotidianità. Per Fabio Merlini la mascherina non è però un «oltraggio» alla nostra libertà, indossarla è anche un gesto di solidarietà verso i più deboli. © EPA/ENRIC FONTCUBERTA

«Ma quale oltraggio alle libertà? Le limitazioni tutelano i più fragili»

In tempo di pandemia le strategie di contenimento sono diventate la nostra quotidianità. Per Fabio Merlini la mascherina non è però un «oltraggio» alla nostra libertà, indossarla è anche un gesto di solidarietà verso i più deboli. © EPA/ENRIC FONTCUBERTA

Francesca Rigotti chiama, Fabio Merlini risponde. Sul tema spinoso e delicato della riduzione delle libertà in tempo di coronavirus pubblichiamo la replica del pensatore di Minusio alla filosofa che insegna all’USI.

Fabio Merlini, la mascherina in tempo di coronavirus è un oltraggio alla libertà?

«“Oltraggio” è un sostantivo impegnativo, che fa riferimento, per così dire, a uno sfondamento. “Oltraggiosa” è infatti quell’azione, quell’ingiunzione o quel giudizio che oltrepassa la misura, che va oltre il giusto, che si spinge al di là del lecito. È forse questo il caso? A me non pare proprio. Siamo piuttosto confrontati con quel novero di misure che limitano i nostri margini di manovra per tutelare la comunità all’interno della quale siamo inseriti, allo stesso modo, per fare un esempio prosaico,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: CorrierePiu
  • 1
  • 1