Dicono che il coronavirus ci renda più depressi. Sarà. Di sicuro ci rende più cattivi. Lo desumiamo leggendo i risultati del progetto europeo DEPCIP (Digitised Education Of Parents For Children Protection) che ha coinvolto un migliaio di genitori di vari Paesi del continente. Ebbene, un genitore su 5 ha avuto l’impressione o il timore di essere stato più aggressivo con i propri figli durante il primo lockdown. Pur consapevoli della necessità di avere un’interazione positiva con i propri bambini e dichiarandosi contrari alla violenza, il 29 per cento dei genitori intervistati ha dichiarato di aver fatto ricorso alle punizioni fisiche qualche volta o sempre con l’intento di educare il proprio figlio e l’84 per cento ha detto di aver alzato la voce. Accanto ad ansia e paura, è emersa la gioia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: CorrierePiu
  • 1