Mascherine e altre limitazioni: basta con le dittature del bene

CorrierePiù

La filosofa Francesca Rigotti, che insegna anche all’USI di Lugano, dice la sua sulle misure dettate per contenere l’epidemia della COVID-19

Mascherine e altre limitazioni: basta con le dittature del bene
© CdT/Gabriele Putzu

Mascherine e altre limitazioni: basta con le dittature del bene

© CdT/Gabriele Putzu

La libertà non gode di buona salute: le misure di confinamento limitano, tra le altre, la libertà di movimento, di lavoro, di scelta, ma anche di espressione: una censura sottile e diffusa soffoca le critiche, offendendo e deridendo chi osa avanzarle. Cercherò di enucleare alcuni elementi (eterni, ma di questi tempi molto attivi) che soffocano la libertà, visti dal punto di vista filosofico.

Vorrei intervenire da una prospettiva etico-filosofica, precisando il senso di alcuni elementi e principi etici. Non legati a un paese o a una legislazione. La mia non è una prospettiva locale ma universale e ha di mira il tema della libertà. La libertà gode di buona salute? No.

La libertà non gode di buona salute: le misure di confinamento limitano, tra le altre, la libertà di movimento, di lavoro, di scelta,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: CorrierePiu
  • 1
  • 1