Morire per amore dei baraccati di Korogocho

La storia

Ricordo del missionario Gino Filippini stroncato dodici anni fa da un tumore pleurico e che si dedicò ai diseredati della Nigeria

Morire per amore dei baraccati di Korogocho
Palleggi nello slum di Muruku, a Nairobi.

Morire per amore dei baraccati di Korogocho

Palleggi nello slum di Muruku, a Nairobi.

Dodici anni fa, ucciso da un tumore pleurico polmonare contratto con ogni probabilità nella baraccopoli dove operava, si spegneva Gino Filippini, la figura missionaria laicale più importante del dopoguerra in Italia. Su di lui sta uscendo un volume curato da Fabrizio Floris (Gino Filippini – Uomo per gli altri, Gabrielli Editori, Verona, gabriellieditori.it). Ne anticipiamo la prefazione, scritta da un altro missionario di grande carisma, padre Alex Zanotelli, che con lui ha condiviso passioni e battaglie.

Gino Filippini ha dedicato tutta la sua vita a Dio e all’Africa: 40 anni sulle polverose strade del continente nero. Fedeltà che ha pagato con la vita. Gino era rientrato in tutta fretta nella sua casa di Rezzato alla fine del 2000 dalla baraccopoli di Korogocho (Nairobi), perché i dottori...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Corriere Più
  • 1
  • 1