Quando gli esseri umani sono una merce da marciapiede

CorrierePiù

La tratta di esseri umani riguarderebbe 40 milioni di persone sfruttate a livello sessuale, lavorativo, per accattonaggio e attività illegali – Vi proponiamo uno sguardo sul fenomeno delle schiave del sesso in Italia

Quando gli esseri umani sono una merce da marciapiede
La prostituzione in strada è un fenomeno collegato alla tratta di esseri umani. © Shutterstock

Quando gli esseri umani sono una merce da marciapiede

La prostituzione in strada è un fenomeno collegato alla tratta di esseri umani. © Shutterstock

C’è un fenomeno che si pensava relegato alle pagine dei libri di storia, o presso genti e terre lontane, e invece si trova nel cuore delle città occidentali. È la tratta degli esseri umani, dove la vita umana è entrata a far parte delle merci e che riguarderebbe 40 milioni di persone sfruttate a livello sessuale, lavorativo, per accattonaggio e attività illegali. Oggi vi proponiamo uno sguardo sul fenomeno delle schiave del sesso in Italia.

La cifra di 40 milioni è stata stimata dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). Si è trattato di uno scivolamento progressivo dello sguardo (e delle scelte individuali) frutto di un immaginario colonizzato che ha portato gli occhi dei più a considerare nella normalità dell’esistenza l’esposizione di corpi lungo le strade, di persone accatastate...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Corriere Più
  • 1
  • 1