Anche la danza può essere ascoltata

Spettacoli

Sul sito internet del LAC la nuova produzione della coreografa ticinese Lorena Dozio «Audiodanza (immateriale)»: quattro appuntamenti per mettere in relazione realtà e immaginazione, «ciò che si sente con ciò che si vede»

 Anche la danza può essere ascoltata

Anche la danza può essere ascoltata

«Scrivere di musica è come ballare di architettura» diceva Frank Zappa in merito alla difficoltà e talvolta all’inutilità di imbrigliare l’arte entro precisi e delineati schemi. Perché l’arte è per definizione un qualcosa che sfugge alle regole e alle catalogazioni, regalando nuovi e spesso inediti mezzi di esplorazione della dimensione materiale e immateriale che ci circonda.

Un tentativo di andare oltre le consuetudini è quello che propone, a partire da quest’oggi, la danzatrice e coreografa ticinese Lorena Dozio che, sul sito internet del LAC presenta il suo nuovo progetto dal titolo Audiodanza (immateriale) con il quale si muove «tra l’immaterialità della danza e la fisicità del suono in modo da spingere il pubblico ad ascoltare la danza». «Perché la danza è anche un’arte da ascoltare»,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1