Arriva novembre, ecco la canzone ticinese

Presidenza della Confederazione

Ascoltiamo in anteprima il brano cantato da Raissa Avilès che è stato scelto dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga - IL VIDEO

Arriva novembre, ecco la canzone ticinese
La cantante di casa nostra Raissa Avilès. © Marco Castro/raissaaviles.com

Arriva novembre, ecco la canzone ticinese

La cantante di casa nostra Raissa Avilès. © Marco Castro/raissaaviles.com

Simonetta Sommaruga nel 2020 ha assunto la presidenza della Confederazione elvetica e questo suo anno, in particolare, lo ha dedicato alla cultura. «La cultura – aveva affermato Simonetta Sommaruga spiegando le sue intenzioni poco prima di entrare in carica – è ciò che tiene uniti. In un Paese plurilingue e diversificato, essa è nel contempo un collante e una ricchezza». La consigliera federale e presidente della Confederazione ha quindi scelto 12 brani musicali per accompagnare questo 2020, pezzi che «sono simbolo della nostra varietà». E fra questi anche quello cantato dall’artista di casa nostra Raissa Avilés, nata e cresciuta in Ticino e il cui padre è di origine messicana.

«È la versione italiana di una poesia di Alfonsina Storni (poetessa argentina nata in Ticino), musicata da Rossana Taddei (cantante uruguaiana di origine ticinese). Questa musica incarna le mie radici ticinesi, la lingua di mio padre, il mio amore per la cultura ispanica e le mie convinzioni femministe», ha spiegato da parte sua Raissa Avilés, scelta insieme al suo gruppo per il mese di novembre ormai alle porte. «La nostra canzone – precisa ora Raissa Avilès – è intitolata “Che direbbe” ed è appunto la versione italiana “Qué diría”, brano composto da Rossana Taddei a partire da una poesia di Alfonsina Storni che è stata tradotta in italiano da Pina Allegrini. L’arrangiamento della canzone che sarà proposta sul portale internet della Confederazione è stato fatto da me, Camilla Uboldi e Sara Magon, quest’ultima alla chitarra nell’esecuzione scelta da Simonetta Sommaruga, che vede inoltre Simone Mauri al clarinetto basso».

Oggi il Corriere del Ticino – su www. cdt.ch – offre in anteprima esclusiva ai suoi lettori e internauti il brano cantato da Raissa Avilès, che da domenica prossima, 1. novembre, troveremo anche sul sito internet della Confederazione insieme a tutti gli altri pubblicati sin qui dallo scorso gennaio. Per sentirla cliccate sul video, buon ascolto!

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Il fascino della scacchiera

    La riflessione

    Il grande successo della serie televisiva «Regina di Scacchi» in programmazione su Netflix ha fatto rifiorire l’interesse attorno questo gioco brutale, terribile e complicato, che chiede strategia, intelligenza, non sopporta la superficialità e riflette quell’inconscio desiderio di complessità che la moderna società per troppo tempo ha cercato di banalizzare

  • 2

    «A riveder le stelle» con il Teatro alla Scala

    musica

    Presentato l’originale spettacolo con cui il 7 dicembre prenderà il via la stagione della struttura milanese – Non sarà un’opera ma un variegato mosaico di musica, danza e recitazione cui hanno aderito tante stelle di caratura mondiale messo in scena senza pubblico e in diretta tv

  • 3
  • 4

    Sei lezioni per tre giganti

    Poesia

    Sono state raccolte in volume, per i tipi di Giampiero Casagrande, le conferenze tenute nei licei ticinesi dal noto critico letterario Gilberto Lonardi - Tra Leopardi, Montale e Giorgio Orelli un viaggio seducente e rigoroso nella bellezza di alcune tra le massime esperienze liriche della tradizione occidentale

  • 5

    Il blues dell’Alligatore

    Televisione

    Debutta domani su Rai2 la serie tratta dai romanzi di Massimo Carlotto – «Un hard-boiled in salsa mediterranea» in un Veneto dipinto come «una Louisiana triste» con la musica afroamericana a fare da collante a storie di criminalità ambientale

  • 1
  • 1