«Basta armi sul set, utilizziamo i computer»

Il caso

La tragica morte di Halyna Hutchins per mano di Alec Baldwin rilancia la questione: al bando le pistole, largo agli effetti speciali in post produzione – Il ticinese Amos Sussigan: «Possiamo ricreare qualsiasi cosa, dalle navicelle spaziali a intere città, davvero non vogliamo aggiungere quattro scintille e un po’ di fumo?»

«Basta armi sul set, utilizziamo i computer»
© AP/Andres Leighton

«Basta armi sul set, utilizziamo i computer»

© AP/Andres Leighton

Usando un computer, beh, tutto è possibile. Semplicemente, non ci sono limiti. Hollywood può portarci ovunque. Universi paralleli, viaggi intergalattici. L’industria cinematografica è capace di proiettarci nel futuro o, ancora, di ricacciarci nel passato più buio. Di regalarci emozioni attraverso effetti speciali sofisticatissimi. O, se preferite, costruzioni grafiche che arricchiscono e completano trama e personaggi. Qualsiasi cosa, dicevamo, è possibile. E, di riflesso, realizzabile. Nonostante ciò, molte produzioni – come ci ha tristemente ricordato la cronaca di questi giorni – utilizzano armi vere sul set. Certo, ci sono regole ferree e protocolli. Ma ci sono altresì errori e disattenzioni, finanche leggerezze. Falle in un copione che, a volte, purtroppo è tutto fuorché perfetto.

«Quattro...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Guè Pequeno: «Diventare papà? Una gioia che auguro a chiunque»

    L’intervista

    Cosimo Fini, in arte Guè Pequeno, è uno dei rapper più influenti d’Italia dapprima come membro dei Club Dogo, poi come solista. Il 10 dicembre ha pubblicato per Island Records il suo settimo album in studio, GVESVS, e ha accorciato il suo pseudonimo in Guè. Lo abbiamo incontrato alla vigilia del doppio concerto in programma sabato 29 allo Studio Foce di Lugano (ore 21.30) e al Vanilla Club di Riazzino (ore 23.00) - IL VIDEO

  • 2

    Un po’ di quiete prima della tempesta con Ludovico Einaudi

    La recensione

    In attesa della chiassosa valanga di uscite sanremesi, il compositore piemontese pubblica «Underwater», il primo lavoro per pianoforte solo da vent’anni a questa parte – Dodici «frammenti liquidi», scritti di getto per immergere l’ascoltatore in un mare calmo di suggestioni

  • 3
  • 4

    Pugni, farfalline e «dov’è Bugo?», ecco il Festival delle polemiche

    Spettacolo

    A meno di una settimana dall’inizio della 72° edizione, ripercorriamo gli episodi che hanno fatto scalpore nella lunga vita di Sanremo – Il Festival è stato anche un metro dei cambiamenti sociali che hanno attraversato l’Italia, segnando l’evoluzione nei costumi e la percezione della società di quello che è uno «scandalo»

  • 5
  • 1
  • 1