Christa Rigozzi, 15 anni dopo

L’intervista

Nel 2006 la ticinese venne nominata Miss Svizzera, l’ideale trampolino di lancio per un percorso mai banale – Partita da Monte Carasso con una valigia piena di sogni, oggi è una mamma entusiasta e una donna in carriera

Christa Rigozzi, 15 anni dopo
© Keystone/MARTIAL TREZZINI

Christa Rigozzi, 15 anni dopo

© Keystone/MARTIAL TREZZINI

«Miss Svizzera 2006 è... Christa Rigozzi!».

E poi fu emozione. Felicità. Inconsapevolezza. La giostra iniziò a girare immediatamente e, in quel preciso momento, una giovane ticinese divenne la nostra «Christa nazionale».

Partita da Monte Carasso con una valigia carica di sogni, Christa capisce ben presto che la sua vita sarebbe cambiata per sempre. A distanza di quindici anni, l’abbiamo incontrata.

Allora, Christa: eri pronta per quell’affermazione?

«A dir la verità, per molto tempo non ho capito più nulla. Da un momento all’altro mi sono ritrovata ad essere sempre in viaggio, lontana da casa, con un’agenda fittissima da gestire. Conoscevo sempre persone nuove, lavoravo tanto. Ad oggi posso dire che, forse, ho realizzato la grande avventura che ho vissuto grazie al titolo di Miss Svizzera solo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1