Claudio Magris e le incertezze della vecchiaia

Letteratura

Tagliato il traguardo degli 80 anni lo scrittore triestino riflette sulla vita e sulla morte

 Claudio Magris e le incertezze della vecchiaia
Claudio Magris (Trieste, 10 aprile 1939) è stato fra i primi a rivalutare il filone letterario di matrice ebraica all’interno della letteratura mitteleuropea. (fotogonnella)

Claudio Magris e le incertezze della vecchiaia

Claudio Magris (Trieste, 10 aprile 1939) è stato fra i primi a rivalutare il filone letterario di matrice ebraica all’interno della letteratura mitteleuropea. (fotogonnella)

Claudio Magris ha compiuto in aprile 80 anni ed ha pubblicato un libro con cinque racconti che più diversi l’uno dall’altro non potrebbero essere, pur se il tema comune è la vecchiaia. «Un avanzare per indietreggiare» è la vecchiaia, dice Magris, ci si inoltra «in un territorio sconosciuto per sottrarsi alla realtà» che preme «da tutte le parti spigolosa e invadente». Avanzare in...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Nel regno del ghiaccio e della computer grafica

    Cinema

    È già un grande successo il secondo capitolo della saga d’animazione Frozen «Il segreto di Arendelle» che tra mirabolanti effetti speciali prosegue nella narrazione delle avventure della regina Elsa, della principessa Anna e del buffo pupazzo di neve Olaf

  • 2
  • 3
  • 4

    Come alla corte del Re Sole

    Concerti

    Torna, venerdì 6 dicembre (ore 20.30) al LAC di Lugano il celebre musicista e direttore d’orchestra catalano Jordi Savall – Alla testa dell’ensemble Le concert des Nations, si cimenterà con un repertorio cameristico che spazia tra autori del Cinquecento e del Settecento francese

  • 5

    T contro T, il match di ritorno

    Il libro

    A due anni dal primo è fresco di stampa il nuovo dibattito epistolare fra Tito Tettamanti e Alfonso Tuor su disuguaglianza, disagio, democrazia – La visione ottimista del finanziere e quella pessimista del giornalista, con un minimo comune denominatore: viviamo in un’epoca di forte instabilità – La presentazione ufficiale del volume, alla presenza dei due autori, lunedì 9 dicembre (ore18.00) nella Sala San Rocco di Lugano

  • 1
  • 1