«Con la mia viola combino linguaggi diversi»

MUSICA

Il russo Yuri Bashmet nel doppio ruolo di solista e direttore giovedì prossimo con l’OSI in Auditorio

«Con la mia viola combino linguaggi diversi»
Yuri Bashmet compirà 66 anni il prossimo 24 gennaio.

«Con la mia viola combino linguaggi diversi»

Yuri Bashmet compirà 66 anni il prossimo 24 gennaio.

In occasione dell’avvio giovedì prossimo, 10 gennaio, alle 20.30 all’Auditorio Stelio Molo RSI di Lugano della mini rassegna «OSI in Auditorio» nella formula «Play&Conduct», abbiamo incontrato Yuri Bashmet, il celebre violista russo che ha contribuito a far diventare il suo strumento un protagonista della scena concertistica internazionale. Bashmet nella veste di direttore d’orchestra e l’Orchestra della Svizzera italiana apriranno il concerto con uno degli ultimi e più suggestivi brani di Richard Strauss, le elegiache Metamorphosen per ventitré archi soli, concludendo con un capolavoro di segno opposto: la vitalistica Sinfonia Classica di Sergei Prokofe’v. Bashmet imbraccerà il suo strumento nella parte centrale della serata presentando due opere meno note ma non meno affascinanti di Max Bruch,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Il Locarno Film Festival torna nelle sale

    Rassegne

    Nel corso della sua Assemblea generale ordinaria il Locarno Film Festival ha iniziato a svelare i contorni dell’edizione 2020 della rassegna che prevede anche numerose proiezioni al Gran Rex, al PalaCinema 1 e al PalaVideo di Muralto di pellicole delle varie sezioni - Tra le quali anche l’inedita «Secret Screening», una selezione di dieci film a sorpresa scelti dalla direttrice artistica Lili Hinstin

  • 2
  • 3
  • 4

    Lo strano confessionale di un Belzebù da strapazzo

    Letteratura

    Nel romanzo «Quel dolce nome» del comasco Mario Schiani un misterioso personaggio da tutti odiato e deprecato si trasforma in un confidente al quale, sicuri di non temere il giudizio, affidare i pensieri più intimi e nascosti

  • 5
  • 1
  • 1