Da «Romanzo criminale» al Risorgimento romano

Giancarlo De Cataldo

Lo scrittore, sceneggiatore e ex magistrato italiano ci racconta in un’intervista del suo nuovo romanzo «Quasi per caso», un giallo storico ambientato nell’Italia pre-unitaria

Da «Romanzo criminale» al Risorgimento romano
Giancarlo De Cataldo, 63 anni, è autore di una trentina di libri tra cui il celebre «Romanzo criminale».

Da «Romanzo criminale» al Risorgimento romano

Giancarlo De Cataldo, 63 anni, è autore di una trentina di libri tra cui il celebre «Romanzo criminale».

L’ambientazione risorgimentale del nuovo romanzo di Giancarlo De Cataldo, Quasi per caso (Mondadori, 256 pagine, 16 €) in cui racconta di un delitto nell’Italia pre-unitaria ai tempi della Repubblica Romana con un Mazzini ai vertici del potere, non sorprende: lo scrittore, drammaturgo, sceneggiatore e Giudice di Corte d’Assise a Roma, autore del celeberrimo Romanzo criminale (da cui fu tratto un film e una serie televisiva di successo diretta da Michele Placido), e di un’altra trentina di romanzi è un appassionato del Risorgimento. Ci sono dei precedenti: in passato aveva già collaborato con Mario Martone per il film Noi credevamo e scritto anche altri due romanzi ambientati nel Risorgimento. «Io sono un italiano appassionato dell’unità d’Italia, perché il Risorgimento è stata una grande...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1