Da Springsteen agli Stones: quando le rockstar si oppongono alla politica

Il caso

Nel fine settimana, Jagger e compagni hanno minacciato di portare in tribunale Donald Trump per un uso improprio e non autorizzato di una loro canzone – Ma anche in passato slogan elettorali e canzoni non sono andati troppo d’accordo

Da Springsteen agli Stones: quando le rockstar si oppongono alla politica
© Shutterstock

Da Springsteen agli Stones: quando le rockstar si oppongono alla politica

© Shutterstock

«Si potrebbe creare uno dei supergruppi più importanti della storia della musica se mettessimo assieme tutti gli artisti arrabbiati con Donald Trump per un utilizzo improprio e non autorizzato della loro musica per fini politici». Così il quotidiano online «Huffington Post» ha commentato la notizia della minaccia di una causa legale nei confronti del presidente statunitense da parte dei Rolling Stones, ai quali non è andato proprio giù che per l’ennesima volta - nonostante una diffida ufficiale fattagli pervenire in passato - il tycoon abbia utilizzato un loro vecchio successo (You Can’t Always Get What You Want) durante il recente comizio di Tulsa.

Non solo Jagger & Co.

In effetti la solenne arrabbiatura di Jagger & soci fatta pervenire alla Casa Bianca dai legali della band britannica non è...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1