È morto il violoncellista luganese Rocco Filippini

Lutto

Il musicista di fama mondiale è deceduto a 77 anni a causa della COVID-19

 È morto il violoncellista luganese Rocco Filippini
©Wikipedia

È morto il violoncellista luganese Rocco Filippini

©Wikipedia

È morto a Lugano, all’età di 77 anni, il musicista svizzero Rocco Filippini, violoncellista di fama mondiale, fondatore nel 1968 del Trio di Milano e nel 1992 del Quartetto Accardo. La notizia della scomparsa a causa della COVID-19, riporta l’AdnKronos, si è diffusa a Cremona, città nella quale dal 1985 aveva insegnato all’Accademia Stauffer. Nella musica da camera, Filippini ha collaborato con alcuni tra i più grandi concertisti contemporanei, tra cui Salvatore Accardo e Maurizio Pollini. Nato a Lugano il 7 settembre 1943, compiuti gli studi sotto la guida di Pierre Fournier, Filippini vinse nel 1964 il Concorso Internazionale di Ginevra, iniziando subito dopo la sua carriera. Ha dato centinaia di concerti nei principali centri musicali in tutto il mondo. Filippini era accademico di Santa Cecilia ed è stato docente di violoncello presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano; dal 2003 ha tenuto la classe di musica da camera ai corsi di perfezionamento dell’Accademia di Santa Cecilia e nel 2010 era stato insignito del titolo di Professore Emerito. Già membro della facoltà dell’Academy of the European Mozart Foundation diretta da Sandor Végh, ha tenuto numerosi corsi di perfezionamento, tra cui quello alla Scuola di Fiesole. Nel 1997 è stato insignito del Premio della Fondazione del Centenario della Banca Svizzera Italiana per il contributo allo sviluppo dei rapporti culturali tra Svizzera e Italia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
  • 3

    Il crollo verticale di Clubhouse: da primo a ultimo della classe

    Social network

    Il boom iniziale è stato soppiantato da un’importante perdita d’interesse e download da parte degli utenti – La rivincita dell’audio si è trasformata in un pericoloso cortocircuito – L’esperto Vincenzo Cosenza: «Non è ancora la morte del social, ma riuscirà a vivere di vita propria solo se verrà inserito in un ecosistema di offerte più ampio, solo la voce è riduttivo»

  • 4

    Il Basquiat di Giammetti vola all’asta

    arte

    Il grande teschio del 1983 «In This Case» dell’artista è stato venduto all’incanto da Christie’s per oltre 93 milioni di dollari, ben oltre la stima di partenza di 50 milioni

  • 5

    Il ritorno del «prog»

    musica

    Corrente del rock tra le più amate negli anni Settanta, da una decina d’anni è tornata d’attualità in tutto il mondo, Svizzera italiana compresa, sulla spinta di un sempre più marcato bisogno da parte di un consistente segmento di pubblico di suoni meno plastificati e di composizioni più articolate

  • 1
  • 1