Eugenio Scalfari tra pubblico e privato

La riflessione

Nel documentario «Sentimental Journey» il novantottenne giornalista e intellettuale italiano viene raccontato dalle due figlie che ne stimolano i ricordi con equilibrio elegante, sottile e discreto - Una testimonianza sempre più rara in un mondo spesso capace soltanto di confezionare freddi tributi

 Eugenio Scalfari tra pubblico e privato
Classe 1924.

Eugenio Scalfari tra pubblico e privato

Classe 1924.

Pochi giorni fa la televisione italiana, Rai Tre, ha mandato in onda un documentario che mi ha profondamente colpito. Si intitola Sentimental Journey, come una celebre canzone che portò al successo nella seconda metà degli anni Quaranta Ella Fitzgerald. E racconta la vita di Eugenio Scalfari. Un racconto fatto dalle sue due figlie: la fotografa Enrica e la giornalista Donata.

Scalfari compirà 98 anni ad aprile, e il documentario ripercorre il suo mondo, la sua infanzia, gli inizi come giornalista, le case, le fotografie, i ricordi. Ma anche il rapporto con il potere, i suoi sentimenti privati, le sue passioni. Le poesie, i suoi libri. E il suo giornale, quello che ha fondato e diretto per vent’anni, quello su cui firma i propri editoriali ancora oggi.

Non c’è da stupirsi che un uomo che ha...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1