Ezio Bosso, un’esistenza consacrata alla musica

raccolte

Una preziosa retrospettiva in 21 CD ripercorre tra inediti e sorprese la carriera del pianista, compositore e direttore d’orchestra piemontese che, a dispetto di una malattia subdola e implacabile, ha saputo trasformare il suo raffinato talento e la sua creatività in un contagioso inno alla gioia di vivere

Ezio Bosso, un’esistenza consacrata alla musica

Ezio Bosso, un’esistenza consacrata alla musica

Pianista, compositore, direttore d’orchestra, Ezio Bosso ha commosso tutti con la sua contagiosa voglia di vivere. Era nato a Torino il 13 settembre del 1971 e aveva studiato composizione e direzione d’orchestra all’Accademia di Vienna arrivando a condurre alcune delle più importanti orchestre internazionali come la London Symphony, The London Strings, l’Orchestra del Teatro Regio di Torino e quella dell’Accademia della Scala.

Ha composto musica classica, colonne sonore per il cinema (per Io non ho paura di Salvatores, per Rosso come il cielo di Bortone), per il teatro (per registi come James Thierrée) e la danza (per coreografi come Rafael Bonchela), fino a impegnarsi in sperimentazioni con i ritmi contemporanei. Dal 2011 conviveva con una malattia neuro degenerativa progressiva. Si esibiva...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1