Fra magie e intricate parentele

"Animali Fantastici" al secondo episodio

Fra magie e intricate parentele

Fra magie e intricate parentele

Tornano le avventure di Newt Scamander, l'esperto di animali magici nato dalla fantasia di J.K. Rowling, e stavolta con lui si arriverà fino alla scuola magica di Hogwarts, conoscendo anche un giovane Albus Silente con la faccia di Jude Law. A interpretare il "magizoologo" è ancora Eddie Redmayne, che lo rende timido al limite dello stucchevole. Con lui anche i personaggi che lo hanno accompagnato nella prima avventura, ambientata a New York: Jakob (Dan Fogler), un non mago dal cuore d'oro, Tina (Katherine Waterston) la maga con la quale si è subito accesa la scintilla e Queenie (Alison Sudol), sorella di lei innamorata di Jakob. Siamo prima di Harry Potter, negli anni Venti del secolo scorso, settant'anni prima della saga del maghetto. Su tutto aleggia l'ombra dell'antagonista, Grindelwald (Johnny Depp), che vuole rivendicare il diritto dei maghi a dominare il mondo, senza più nascondersi da chi non ha poteri magici. Ha un rapporto di lunga data con Albus Silente divenuto suo avversario e futuro preside di Hogwarts. Ma a definire i loro trascorsi, viene detto sibillinamente nel film, c'è anche «qualcosa di più di un'amicizia»...Stavolta l'atmosfera è più dark e la storia si aggroviglia finendo a Parigi. Ci sono misteri di famiglia che coinvolgono Credence (Ezra Miller) - mago orfano già presente nel primo episodio - Grindelwald e Silente, nonché Leta Lestrange (Zoë Kravitz), vecchia fiamma di Newt. Se la sceneggiatura è un po' frettolosa quando si arriva ai momenti clou (tutte le rivelazioni si riducono a chi è parente di chi), il film, sempre diretto da David Yates, però è molto accattivante sotto l'aspetto visivo. Un episodio interlocutorio questo, i cui sviluppi necessiteranno altri capitoli. E gli animali fantastici? Ci sono, dai buffi snasi, ornitorinchi ladruncoli, a dragoni cinesi e inquietanti gatti guardiani.

Il trailer
©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
    Social network

    Il crollo verticale di Clubhouse: da primo a ultimo della classe

    Il boom iniziale è stato soppiantato da un’importante perdita d’interesse e download da parte degli utenti – La rivincita dell’audio si è trasformata in un pericoloso cortocircuito – L’esperto Vincenzo Cosenza: «Non è ancora la morte del social, ma riuscirà a vivere di vita propria solo se verrà inserito in un ecosistema di offerte più ampio, solo la voce è riduttivo»

  • 3
    arte

    Il Basquiat di Giammetti vola all’asta

    Il grande teschio del 1983 «In This Case» dell’artista è stato venduto all’incanto da Christie’s per oltre 93 milioni di dollari, ben oltre la stima di partenza di 50 milioni

  • 4
    musica

    Il ritorno del «prog»

    Corrente del rock tra le più amate negli anni Settanta, da una decina d’anni è tornata d’attualità in tutto il mondo, Svizzera italiana compresa, sulla spinta di un sempre più marcato bisogno da parte di un consistente segmento di pubblico di suoni meno plastificati e di composizioni più articolate

  • 5
  • 1