Franca Valeri, cent’anni da Signorina Snob

Spettacoli

Taglia quest’oggi il prestigioso traguardo l’incontrastata primadonna del teatro italiano – La raffinatezza del suo umorismo e della sua satira e interpretazioni entrate nella leggenda, hanno saputo sedurre sia gli intellettuali che il pubblico più popolare

 Franca Valeri, cent’anni da Signorina Snob

Franca Valeri, cent’anni da Signorina Snob

«Ogni volta che mi illudo d’incontrare quel signore che ritengo sia il teatro, mi rendo conto di vivere la più bella illusione della mia vita», ha sempre dichiarato Franca Valeri. Ed è in questa illusione, in questo incontro il segreto della sua vitalità che la porta quest’oggi a tagliare il traguardo dei cent’anni di vita con quell’arguzia che ha caratterizzato la sua lunga carriera durante la quale ha saputo farsi interprete dei vizi, dei mutamenti e delle debolezze di una società italiana – dapprima in grande trasformazione e poi in decadenza – in modo colto, ironico e in netto anticipo sui tempi.

Gli inizi parigini

Già perché Franca Valeri, nata a Milano il 31 luglio 1920 da una famiglia di origine ebraica (vero nome Franca Maria Norsa) è stata la prima vera voce femminile autonoma della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1