Gli applausi della Scala
per l’Idomeneo diretto da Fasolis

Opera

Il Maestro ticinese ha sostitutito in extremis Christof von Dohnanyi

 Gli applausi della Scala <br />per l’Idomeneo diretto da Fasolis
L’Idomeneo di Mozart in scena alla Scala. (Foto Brescia/ Amisano - Teatro alla Scala)

Gli applausi della Scala
per l’Idomeneo diretto da Fasolis

L’Idomeneo di Mozart in scena alla Scala. (Foto Brescia/ Amisano - Teatro alla Scala)

 Gli applausi della Scala <br />per l’Idomeneo diretto da Fasolis

Gli applausi della Scala
per l’Idomeneo diretto da Fasolis

 Gli applausi della Scala <br />per l’Idomeneo diretto da Fasolis

Gli applausi della Scala
per l’Idomeneo diretto da Fasolis

 Gli applausi della Scala <br />per l’Idomeneo diretto da Fasolis

Gli applausi della Scala
per l’Idomeneo diretto da Fasolis

MILANO -Un orrido e ferrigno Minotauro dagli occhi di fuoco blocca la scena. Il temibile essere è frutto dell’unione incestuosa tra Pasifae sposa di Minosse e il bellissimo toro bianco regalato a Creta da Poseidone. Il re di Creta Idomeneo è nipote di Minosse. È la stagione del mito, intende dirci il regista tedesco Matthias Hartmann. Cha aggiunge alla scena fissa e rotante dei totem con magre teste scheletrite di animali lontani (i morti della guerra di Troia) e le costole arrugginite dell’imponenete imbarcazione che ha sfidato le tempeste di Nettuno. Tutto il resto è atemporale ad eccezione degli alti copricapi sacerdotali che sanno di lontananza.

Dopo quello rigorosissimo di Daniel Harding (2005, primo dopo-Muti) e l’altro, sospeso e intensamente vissuto, di Myung-Whun Chung (2009) la Scala...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1