Grandi eventi, «che sollievo per gli organizzatori!»

dietro le quinte

Il direttore artistico di LuganoMusica Etienne Reymond e il direttore operativo del Film Festival di Locarno Raphaël Brunschwig tirano un sospiro di sollievo dopo le prospettive di pianificazione decise dal Consiglio federale

Grandi eventi, «che sollievo per gli organizzatori!»
© CdT/Gabriele Putzu

Grandi eventi, «che sollievo per gli organizzatori!»

© CdT/Gabriele Putzu

A severe condizioni e se il virus rallenterà la sua corsa, da luglio i Cantoni potranno autorizzare lo svolgimento di grandi eventi fino a 3.000 partecipanti e, da settembre, questo limite potrà essere innalzato a 10.000 persone. La consultazione è stata avviata con gli Esecutivi cantonali, le Città, i Comuni e le organizzazioni mantello del settore, ma la categoria potrebbe effettivamente tornare a respirare, per dirla con le parole del direttore artistico di LuganoMusica Etienne Reymond da noi contattato a pochi minuti dalla conclusione della conferenza stampa da Berna durante la quale il Consiglio federale ha definito i prossimi possibili passi. «È un sollievo e una buonissima notizia - esclama -, per di più, se il Cantone selezionasse uno dei concerti di LuganoMusica in programma a giugno...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Coronavirus
  • 2 Valentina Coda
Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2
  • 3

    Il crollo verticale di Clubhouse: da primo a ultimo della classe

    Social network

    Il boom iniziale è stato soppiantato da un’importante perdita d’interesse e download da parte degli utenti – La rivincita dell’audio si è trasformata in un pericoloso cortocircuito – L’esperto Vincenzo Cosenza: «Non è ancora la morte del social, ma riuscirà a vivere di vita propria solo se verrà inserito in un ecosistema di offerte più ampio, solo la voce è riduttivo»

  • 4

    Il Basquiat di Giammetti vola all’asta

    arte

    Il grande teschio del 1983 «In This Case» dell’artista è stato venduto all’incanto da Christie’s per oltre 93 milioni di dollari, ben oltre la stima di partenza di 50 milioni

  • 5

    Il ritorno del «prog»

    musica

    Corrente del rock tra le più amate negli anni Settanta, da una decina d’anni è tornata d’attualità in tutto il mondo, Svizzera italiana compresa, sulla spinta di un sempre più marcato bisogno da parte di un consistente segmento di pubblico di suoni meno plastificati e di composizioni più articolate

  • 1
  • 1