«I ponti di Ammann hanno cambiato New York»

Cinema

Il regista svizzero Martin Witz parla del suo nuovo documentario

 «I ponti di Ammann hanno cambiato New York»
Othmar Ammann emigrò giovanissimo negli USA. © Frenetic Films

«I ponti di Ammann hanno cambiato New York»

Othmar Ammann emigrò giovanissimo negli USA. © Frenetic Films

 «I ponti di Ammann hanno cambiato New York»
Il George Washington Bridge progettato da Ammann e inaugurato nel 1931. © Frenetic Films

«I ponti di Ammann hanno cambiato New York»

Il George Washington Bridge progettato da Ammann e inaugurato nel 1931. © Frenetic Films

 «I ponti di Ammann hanno cambiato New York»
Il regista Martin Witz. (Frenetic Films)

«I ponti di Ammann hanno cambiato New York»

Il regista Martin Witz. (Frenetic Films)

Con una lunga carriera cinematografica alle spalle, Martin Witz è oggi uno dei documentaristi svizzeri più esperti e si è fatto un nome soprattutto grazie ai suoi film biografici. Gateways to New York non fa eccezione, come ci ha raccontato lui stesso.

I suoi film precedenti sono dedicati a personaggi e fatti molto conosciuti, in questo caso invece come ha scoperto la figura di Othmar Ammann?

«È stato un vero e proprio caso nell’ambito delle ricerche che stavo compiendo per un altro film. Appena scoperto Ammann mi sono reso conto che la sua storia e il suo mondo potevano essere raccontati sull’arco di 90 minuti. Personalmente, non sono le persone famose ad interessarmi in primo luogo, ma piuttosto la possibilità di mettere una biografia al centro di una narrazione che mi permetta di accostarvi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1