I sogni e le illusioni di Youri, ultimo abitante della Cité Gagarine

castellinaria

l film francese diretto dagli esordienti Fanny Liatard e Jérémy Trouilh e ambientato nella città satellite dell’ex «cintura rossa parigina» è visibile sul sito del festival a conclusione di una rassegna, vinta dal film d’animazione «I racconti di Parvana» e confermatasi di eccellente livello

I sogni e le illusioni di Youri, ultimo abitante della Cité Gagarine
Alséni Bathily nei panni di Youri in «Gagarine», che conclude l’edizione 2020, interamente online, di Castellinaria.

I sogni e le illusioni di Youri, ultimo abitante della Cité Gagarine

Alséni Bathily nei panni di Youri in «Gagarine», che conclude l’edizione 2020, interamente online, di Castellinaria.

La società francese contemporanea è attraversata, oltre che dagli innumerevoli problemi legati alla pandemia, da dibattiti civili accesi che il cinema, arte profondamente radicata in questa realtà, non teme di affrontare. C’è, ad esempio, la crisi identitaria che coinvolge in primo luogo i figli, oggi adulti, della prima generazione di immigrati nordafricani che si sono integrati nel contesto nazionale spesso però rinunciando alle proprie radici; ma c’è anche la crisi di rappresentazione dei giovani abitanti delle cité, il cui futuro viene considerato senza speranza, unicamente sulla base di pregiudizi negativi. Due film recenti (ADN di Maïwenn e Les Misérables di Ladj Ly) hanno messo l’accento su queste situazioni in maniera diversa ma molto efficace. In questo filone di denuncia sociale...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1