«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

Locarno Film Festival

La direttrice artistica Lili Hinstin illustra le scelte della 73. edizione ibrida, al via mercoledì sera

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»
Lili Hinstin è alla guida del Locarno Film Festival dal 2019. © CDT / CHIARA ZOCCHETTI

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

Lili Hinstin è alla guida del Locarno Film Festival dal 2019. © CDT / CHIARA ZOCCHETTI

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

«Il cinema sta ripartendo ma molte cose muteranno»

Dopo una prima edizione coronata da un buon successo, Lili Hinstin non si sarebbe mai aspettata di dover sconvolgere la formula del Locarno Film Festival 2020. Con lo slogan «For the Future of Films», la direttrice artistica ha però reagito alla situazione in modo intelligente e creativo. L’abbiamo incontrata alla vigilia dell’inaugurazione di mercoledì sera.

Il cinema, in tutte le sue componenti, è entrato in una crisi gravissima con la pandemia di coronavirus. Dopo lo choc iniziale, quali sono i segnali che raccoglie oggi dagli addetti ai lavori?

«Percepisco uno spirito molto vivo, molto attivo. Moltissimi registi sono tornati a lavorare, dopo aver usato il periodo del lockdown per scrivere, o riscrivere, le proprie sceneggiature. Sono casi che fanno parte della storia del cinema: dimostrano...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1