«Il Festival 2021 nelle cifre rosse, ora la politica ci dia una mano»

L’intervista

Il presidente Marco Solari traccia il bilancio di un’edizione in chiaroscuro

 «Il Festival 2021 nelle cifre rosse, ora la politica ci dia una mano»
Marco Solari (76 anni) è presidente del Locarno Film Festival dal 2000. © FFL/MARCO ABRAM

«Il Festival 2021 nelle cifre rosse, ora la politica ci dia una mano»

Marco Solari (76 anni) è presidente del Locarno Film Festival dal 2000. © FFL/MARCO ABRAM

È un Marco Solari provato («Per tutti noi il Festival significa grande impegno e disciplina» dice) ma come sempre combattivo quello che incontriamo alla fine di Locarno 74. Un’edizione che ha fatto segnare un’affluenza di pubblico al di sotto delle attese.

Presidente, oggi come oggi rifarebbe la scelta di organizzare una manifestazione in presenza?

«L’edizione ibrida dell’anno scorso ci è stata imposta dalle circostanze, non era una scelta nostra. Come hanno fatto in tanti, avremmo potuto rinunciare ma noi siamo dei combattenti e in nessun caso avremmo dato forfait. Questa è stata la prima scommessa vinta e anche dal punto di vista artistico i contenuti erano interessanti. Senza scordare che questa situazione ci ha portati a sviluppare, in pochi mesi, la nostra dimensione digitale. Abbiamo quindi...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1