Il grande equivoco di Instagram

La riflessione

Nato per dar spazio alla fotografia sulla rete, il popolare social network è oggi soprattutto una piattaforma per vendere prodotti, marchi e... influencer

 Il grande equivoco di Instagram
Nato nel 2010, Instagram è stato acquisito nel 2012 da Facebook per la cifra record di un miliardo di dollari © SHUTTERSTOCK

Il grande equivoco di Instagram

Nato nel 2010, Instagram è stato acquisito nel 2012 da Facebook per la cifra record di un miliardo di dollari © SHUTTERSTOCK

 Il grande equivoco di Instagram

Il grande equivoco di Instagram

Una giornalista di «Bloomberg News», Sarah Frier, ha pubblicato da poco negli Stati Uniti un libro intitolato No filter. È la storia del successo di un social network che negli anni si è imposto con forza nel mondo delle applicazioni e del web: Instagram. E come tutti i libri di questo tipo è pieno di aneddoti, storie segrete, guerre di potere. Le guerre di potere che hanno portato all’acquisto dell’applicazione da parte di Facebook. In una gara con Twitter che in quel caso non ha fatto l’offerta migliore. Ma queste sono storie che all’incirca si sanno. Mark Zuckerberg intuisce il potenziale di Instagram, lo porta via alla concorrenza, dice ai suoi collaboratori: «Qualsiasi cifra venga offerta dagli altri, noi la raddoppiamo». E così fu.

Poi è stata tutta una storia, un lavoro degli specialisti,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1