«Il nome della rosa»
come non l’avete mai visto

Libri

A quarant’anni dalla prima edizione torna in libreria grazie a La nave di Teseo il capolavoro di Umberto Eco corredato da una ricca nota critica ma soprattutto da una serie di disegni preparatori inediti realizzati dallo scrittore prima della stesura del testo

«Il nome della rosa» <br />come non l’avete mai visto
Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

«Il nome della rosa»
come non l’avete mai visto

Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

«Il nome della rosa» <br />come non l’avete mai visto
Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

«Il nome della rosa»
come non l’avete mai visto

Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

«Il nome della rosa» <br />come non l’avete mai visto
Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

«Il nome della rosa»
come non l’avete mai visto

Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

«Il nome della rosa» <br />come non l’avete mai visto
Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

«Il nome della rosa»
come non l’avete mai visto

Personaggi e luoghi de «Il nome della rosa» così come li aveva pensati e disegnati Umberto Eco. (© La nave di Teseo)

A 40 anni dalla prima edizione, nel 1980, Il nome della rosa di Umberto Eco torna in libreria questi giorni in una preziosa edizione, curata da La nave di Teseo, impreziosita dai disegni e gli appunti preparatori realizzati dallo scrittore mentre lavorava al suo bestseller mondiale. Premio Strega nel 1981, tradotto in 60 Paesi, Il nome della rosa ha venduto oltre 50 milioni di copie, è diventato un film di Jean-Jacques Annaud interpretato da Sean Connery e ha ispirato più o meno fortunate serie tv: l’ultima nel 2019 con John Turturro. Nell’appendice inedita si possono scoprire oggetti, ambienti, abiti e personaggi, quel «mondo il più possibile ammobiliato sino agli ultimi particolari» che «per raccontare bisogna anzitutto costruirsi» come diceva Eco e come ricorda Mario Andreose, presidente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1