«Il nostro approccio a Schumann vuole coinvolgere ed entusiasmare»

Concerti

Il direttore Philippe Herreweghe sarà sabato al LAC con la sua Orchestre des Champs-Elysées

 «Il nostro approccio a Schumann vuole coinvolgere ed entusiasmare»
Philippe Herreweghe. (Foto Wiki)

«Il nostro approccio a Schumann vuole coinvolgere ed entusiasmare»

Philippe Herreweghe. (Foto Wiki)

Il prossimo sabato, 30 marzo, LuganoMusica accoglierà al LAC uno dei maggiori direttori della nostra epoca: Philippe Herreweghe. Grande per le qualità specifiche dell’interpretazione e della gestione orchestrale, ma soprattutto unico nell’assiduo lavoro di ricerca sulle prassi storiche, nel costante sforzo di restituire il repertorio sinfonico alla propria originalità. Così lo Schumann (Sinfonia n. 2) e il Brahms (Concerto per violino, con solista Isabelle Faust) che si ascolteranno varranno quasi come primizie per le particolari sonorità che è in grado di sviluppare l’Orchestre des Champs-Elysées – una delle più celebri creature di Herreweghe. E proprio al maestro fiammingo ci siamo rivolti per introdurre il concerto.

Il suo rapporto con lo Schumann sinfonico è decisamente profondo ed esteso...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1