Il sonno tra scienza e settima arte

Rassegne

Il CISA propone al PalaCinema dal 22 gennaio al 6 maggio la visione di film ispirati dal mondo onirico, abbinati a un dibattito, un video e a una mostra fotografica

Il sonno tra scienza e settima arte
Il vivido incubo nato dalla penna di Bram Stoker prende forma per la prima volta nel film Nosferatu di Murnau del 1922 (qui una scena)

Il sonno tra scienza e settima arte

Il vivido incubo nato dalla penna di Bram Stoker prende forma per la prima volta nel film Nosferatu di Murnau del 1922 (qui una scena)

Il sonno tra scienza e settima arte
La rassegna cinematografica è arricchita da una mostra fotografica di Denise Liardet (qui uno degli scatti esposti)

Il sonno tra scienza e settima arte

La rassegna cinematografica è arricchita da una mostra fotografica di Denise Liardet (qui uno degli scatti esposti)

Un desiderio che finalmente sembra essersi realizzato. Spiccare il volo e toccare il cielo con un dito. Chiudere gli occhi e venire catapultati nel futuro. Ritrovarsi davanti a un animale feroce, un delinquente, un mostro. E diventare i protagonisti di un inseguimento all’ultimo respiro. Sono solo alcune delle infinite trame che animano il sonno, da sempre materia dal forte fascino per la scienza nonché fonte d’ispirazione per poeti, scrittori e autori d’ogni epoca. Dai versi ai saggi, dai racconti per bambini ai romanzi, fino al grande schermo. Molti infatti i registi che hanno scelto di puntare i riflettori sul sonno e sui sogni. Un connubio, quello tra mondo onirico e settima arte, che ha portato alla produzione di pellicole a volte inquietanti ma anche a capolavori assoluti. Una selezione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1