Arte

Il Trittico di Segantini metafora del sublime

Il MASI di Lugano esalta il monumentale capolavoro alpino con una mostra tematica

 Il Trittico di Segantini metafora del sublime
Giovanni Segantini, La vita (1896-1899), olio su tela. Segantini Museum St. Moritz. Deposito Fondazione Gottfried Keller, UFC, Berna. © Museo Segantini, St. Moritz. (FotoFlury)

Il Trittico di Segantini metafora del sublime

Giovanni Segantini, La vita (1896-1899), olio su tela. Segantini Museum St. Moritz. Deposito Fondazione Gottfried Keller, UFC, Berna. © Museo Segantini, St. Moritz. (FotoFlury)

Basterebbe evocare la potenza del Trittico di Segantini per cogliere l’importanza del nuovo allestimento del MASI ispirato al «sublime» nella pittura, nell’arte e come concetto estetico. Sfruttando opportunamente l’eccezionale disponibilità della monumentale opera con la quale il maestro delle Alpi creò il capolavoro che costituisce la completa rappresentazione della sua concezione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1