Iva Zanicchi e Gerry Scotti dimessi dopo il coronavirus

pandemia

I due personaggi dello spettacolo hanno contratto il virus e sono rimasti in ospedale diversi giorni: «Non è stata una passeggiata, grazie ai medici»

Iva Zanicchi e Gerry Scotti dimessi dopo il coronavirus

Iva Zanicchi e Gerry Scotti dimessi dopo il coronavirus

Iva Zanicchi è stata dimessa oggi dall’ospedale di Vimercate (Monza Brianza) in cui era ricoverata a causa del coronavirus. Lo ha reso noto la stessa artista pubblicando un video sul suo profilo Instagram attorniata da medici e infermieri.

«Prima abbiamo detto che erano eroi, poi abbiamo anche denigrato queste persone» ha detto l’aquila di Ligonchio riferendosi agli operatori sanitari. «Ma questi sono professionisti che ci curano e ci salvano la vita». «Finalmente vado a casa, sono felice» ha concluso l’artista, che poi si è ripresa insieme alla dottoressa che l’ha curata. «È venuta a trovarmi giorno e notte, mi cantava anche Zingara. Grazie dottoressa, è stata un angelo vero».

Gerry Scotti: «Non è stata una passeggiata, sono stato nell’anticamera dell’intensiva»

Anche Gerry Scotti è stato dimesso. «A casa, finalmente. Grazie a tutti voi, al vostro affetto e grazie a tutti i medici, infermieri e collaboratori di Humanitas che ci hanno creduto prima di me. Un abbraccio a chi ha vissuto insieme a me questa esperienza: non vi dimenticherò», ha detto il conduttore su Instagram. Il 26 ottobre Scotti aveva fatto sapere di essere positivo al virus, dopo un periodo di cure a casa era stato ricoverato in ospedale. Il conduttore ha raccontato in radio quanto è accaduto. «Non è stata una passeggiata - ha detto a Linus e Nicola Savino a «Deejay chiama Italia» -. Sono stato nell’anticamera dell’intensiva. E ho visto tutto. Ma sono qui».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Il destino del cinepanettone nel Natale della COVID

    Cinema italiano

    Sui film delle feste dominano i dubbi, così come l’attesa delle nuove misure anticovid e la via d’uscita sempre più frequente delle piattaforme, ma vediamo quali sono le pellicole più attese

  • 2

    Nelle quadrerie dei Riva

    Arte

    La Pinacoteca Züst di Rancate ospita una mostra originale che, anche grazie ad un innovativo allestimento, getta uno sguardo inedito sul collezionismo privato nella Lugano dei secoli dell’Ancien Régime e, poi, dell’ Ottocento
    Partendo dal caso emblematico di uno dei più antichi e influenti casati della regione e dai tesori delle sue patrizie dimore

  • 3

    I sogni e le illusioni di Youri, ultimo abitante della Cité Gagarine

    castellinaria

    l film francese diretto dagli esordienti Fanny Liatard e Jérémy Trouilh e ambientato nella città satellite dell’ex «cintura rossa parigina» è visibile sul sito del festival a conclusione di una rassegna, vinta dal film d’animazione «I racconti di Parvana» e confermatasi di eccellente livello

  • 4

    Castelli di Bellinzona: attrazione mondiale

    L’anniversario

    Nel weekend porte aperte alle tre roccaforti per celebrare i 20 anni dall’iscrizione fra i Patrimoni mondiali dell’UNESCO – È l’occasione per (ri)scoprire la loro storia e le loro peculiarità

  • 5
  • 1
  • 1