«L’immagine e la parola» con Nicola Lagioia

Locarno Film Festival

Si terrà online il 27 marzo l’ottava edizione dello spin off della rassegna cinematografica ticinese

«L’immagine e la parola» con Nicola Lagioia
Lo scrittore italiano Nicola Lagioia. © CHIARA PASQUALINI

«L’immagine e la parola» con Nicola Lagioia

Lo scrittore italiano Nicola Lagioia. © CHIARA PASQUALINI

Si terrà il 27 marzo l’ottava edizione dell’evento primaverile del Locarno Film Festival. Al centro del consueto percorso interdisciplinare tra cinema e letteratura sarà lo scrittore italiano Nicola Lagioia, premio Strega nel 2015 con La ferocia e direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino. L’evento si terrà online e sarà fruibile sul sito del Festival. «L’immagine e la parola» sarà anche l’occasione per presentare ufficialmente la Retrospettiva di Locarno74 dedicata ad Alberto Lattuada.

Dopo un anno di stasi, la rassegna si propone in una formula online per continuare la sua riflessione e la sua indagine sul rapporto tra cinema e letteratura. Lo farà con una figura di primo piano della cultura italiana, Nicola Lagioia, tra i principali romanzieri contemporanei e da sempre fonte di ispirazione sia come scrittore che come operatore culturale.

Sabato 27 marzo alle ore 16.00 l’attuale direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino incontrerà al GranRex di Locarno il direttore artistico del Locarno Film Festival, Giona A. Nazzaro, nell’ambito di una conversazione dal titolo “La città dei vivi. Reinventare la creazione e la programmazione culturale” che per il pubblico sarà diffusa online sul sito del Festival. Con i rappresentanti di due delle più importanti istituzioni culturali europee, si proverà a riflettere sul ruolo dell’arte e della sua promozione in questo particolare momento storico, sulle possibili strategie per una ripartenza del settore e sull’organizzazione dei grandi eventi in tempi di pandemia.

L’appuntamento con Nicola Lagioia, che con il suo ultimo e acclamato romanzo La città dei vivi ha ricostruito il delitto del giovane Luca Varani per sondare il ruolo dei media nella narrazione del crimine, sarà anche l’occasione per presentare ufficialmente la Retrospettiva della 74. edizione del Locarno Film Festival, dedicata ad Alberto Lattuada. Della sua ricca ed eterogenea filmografia verrà infatti proposto La spiaggia (1954), ispirato a un fatto realmente accaduto e frutto, al pari dell’opera di Lagioia, di un’attenta analisi delle dinamiche sociali del periodo e delle ricadute del pregiudizio sulle condotte individuali.

Il film sarà visibile gratuitamente sul sito del Festival, sabato 27 marzo dalle ore 20.00 fino a mezzanotte.

A complemento de «L’immagine e la parola+, venerdì 26 marzo il direttore artistico del Locarno Film Festival Giona A. Nazzaro prenderà parte a una Tavola rotonda per i professionisti del settore dal titolo “I film ai tempi dell’online: modelli alternativi di promozione, lancio e distribuzione” organizzata dalla Ticino Film Commission in collaborazione con il CISA e PalaCinema e che sarà fruibile online. L’incontro sarà moderato dal regista e nuovo direttore della Ticino Film Commission Niccolò Castelli insieme a Giona A. Nazzaro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    Le (foto)storie locarnesi fanno doppietta allo Swiss Press Photo

    riconoscimento

    Pablo Gianinazzi vince il premio per un servizio fotografico all’ospedale La Carità, il primo dedicato alla cura dei pazienti COVID in Svizzera, e Didier Ruef si aggiudica il terzo posto nella categoria «Storie Svizzere» con il progetto MOPS_DanceSyndrome, l’unica scuola e compagnia di danza in Europa composta interamente da giovani adulti con Sindrome di Down

  • 2

    Il doppiatore di Apu dei Simpson chiede scusa

    Televisione

    Hank Azaria, storica voce nella versione americana, ha spiegato ai microfoni del podcast «Armchair Expert» che «vorrebbe andare da ogni singolo indiano negli Stati Uniti» per scusarsi dell’eccessiva caratterizzazione del personaggio

  • 3
  • 4

    Troppe incertezze: salta anche l’Open Air

    MUSICA

    Monte Carasso, il tradizionale appuntamento di inizio estate all’ex Convento non si svolgerà per il secondo anno consecutivo a causa delle troppe incognite legate all’emergenza sanitaria

  • 5
  • 1
  • 1