La musica in Europa vale 82 milioni di euro

lo studio

Il settore contribuisce annualmente con questa somma all’economia e sostiene 2 milioni di posti di lavoro nei 27 Paesi dell’UE e in Gran Bretagna - La Commissione UE stanza aiuti per 20 milioni

La musica in Europa vale 82 milioni di euro
©CdT/Gabriele Putzu

La musica in Europa vale 82 milioni di euro

©CdT/Gabriele Putzu

(Aggiornato alle 13.44) Il settore musicale sostiene due milioni di posti di lavoro e contribuisce annualmente con 81,9 miliardi di euro all’economia nei 27 Stati membri dell’UE e nel Regno Unito (EU28), secondo The Economic Impact of Music in Europe, uno studio di Oxford Economics commissionato da IFPI, l’associazione che rappresenta a livello internazionale l’industria delle case discografiche.

Il rapporto, che analizza i dati del 2018, ha esaminato l’impatto totale del settore musicale sull’occupazione e ha rilevato che le esportazioni di musica europea (comprese quelle dal Regno Unito) hanno generato entrate per 9,7 miliardi di euro, di cui 4,7 miliardi generati da case discografiche, editori musicali e servizi di streaming audio.

I dati, si legge in una nota della Fimi (Federazione industria musicale italiana), saranno presentati per la prima volta in Italia in occasione di Milano Music Week sul sito della manifestazione, venerdì 20 Novembre alle ore 9.30.

La Commissione Ue intanto ha dato il via libera gli aiuti pubblici per un totale di 20 milioni di euro destinati a due programmi italiani a sostegno di piccole case editrici, dell’industria musicale, discografica e fonografica. Settori che durante la pandemia hanno visto una riduzione significativa dei ricavi. Lo ha annunciato la Commissione Ue in una nota.

I fondi, che rientrano nel programma quadro temporaneo di aiuti, saranno così ripartiti: 10 milioni di euro andranno ai piccoli editori di libri e altri 10 milioni alle aziende del settore musicale, discografico e fonografico. Lo scopo è sostenere questi settori, durante e dopo la pandemia, fornendo la liquidità necessaria per portare avanti le attività. La Commissione chiarisce che gli aiuti saranno devoluti entro il 30 giugno 2021 e non supereranno gli 800 mila euro per impresa.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2

    Nelle quadrerie dei Riva

    Arte

    La Pinacoteca Züst di Rancate ospita una mostra originale che, anche grazie ad un innovativo allestimento, getta uno sguardo inedito sul collezionismo privato nella Lugano dei secoli dell’Ancien Régime e, poi, dell’ Ottocento
    Partendo dal caso emblematico di uno dei più antichi e influenti casati della regione e dai tesori delle sue patrizie dimore

  • 3

    I sogni e le illusioni di Youri, ultimo abitante della Cité Gagarine

    castellinaria

    l film francese diretto dagli esordienti Fanny Liatard e Jérémy Trouilh e ambientato nella città satellite dell’ex «cintura rossa parigina» è visibile sul sito del festival a conclusione di una rassegna, vinta dal film d’animazione «I racconti di Parvana» e confermatasi di eccellente livello

  • 4

    Castelli di Bellinzona: attrazione mondiale

    L’anniversario

    Nel weekend porte aperte alle tre roccaforti per celebrare i 20 anni dall’iscrizione fra i Patrimoni mondiali dell’UNESCO – È l’occasione per (ri)scoprire la loro storia e le loro peculiarità

  • 5
  • 1
  • 1