La musica rossocrociata domina nella Rotonda

Festival

Si riaccendono le luci sullo spazio di piazza Castello a Locarno, il cui palco per 16 giorni sarà calcato esclusivamente da artisti svizzeri – Per l’accesso serale sarà necessario disporre del certificato COVID-19

La musica rossocrociata domina nella Rotonda
Come in passato, pur con le misure dettate dalla pandemia, la Rotonda si prepara ad accogliere i festivalieri. © CdT/Archivio

La musica rossocrociata domina nella Rotonda

Come in passato, pur con le misure dettate dalla pandemia, la Rotonda si prepara ad accogliere i festivalieri. © CdT/Archivio

Non esiste alcun piano B. Il Festival vuole riappropriarsi dei suoi spazi». Lo aveva detto chiaro e tondo, qualche mese fa, il presidente del Pardo, Marco Solari. Così, con tutti gli accorgimenti che la pandemia da coronavirus richiede, anche sulla Rotonda si riaccenderanno le luci. Già a partire da domani.
Per 16 notti, al grido di «Come together!», lo spazio di piazza Castello, ideato assieme allo sponsor la Mobiliare, offrirà dunque musica dal vivo e diversi momenti di intrattenimento.
Grazie all’associazione culturale Turba di Lugano e alla RSI, sul palcoscenico della Rotonda sarà protagonista esclusivamente la musica svizzera. L’edizione 2021 dello spazio dedicato alle notti festivaliere sarà interamente dedicata a dj, cantautori, band e artisti nazionali, provenienti da tutto il Paese. Tra i dj set di Saliva e Michel Cleis, insieme a Tom Alemanno, che sarà protagonista sia della serata di apertura del 30 luglio, sia di quella di chiusura del 14 agosto, il pubblico potrà quindi scoprire i generi diversi dei talenti nostrani, dai Chemical Fame a Katy Fusco, da Mark Kelly a Tatum Rusch, da Melodiesinfonie a Yeleen e altri ancora.

Spazio alla discussione
Aperta dalle 18 alla una di notte in settimana, e fino alle 2 durante i weekend, la Rotonda non sarà però solo sinonimo di musica. Lo spazio disegnato assieme all’artista Kerim Seiler, infatti, è pensato anche per il relax festivaliero tra una proiezione e l’altra e di riflesso per ristorarsi (con cibi e bevande al 100% locali). Ampio spazio, poi, sarà dato alle famiglie, ai bambini e – chiaramente – alla settima arte.

All’interno della Rotonda si svolgeranno infatti tutte le attività di parola del Festival, dalle Conversations delle star con il pubblico alla quarta edizione dei Locarno Talks la Mobiliare, una serie di incontri con personalità della fotografia, del cinema, della musica, ma anche della politica e della scienza.

Esperienza spaziale
La ciliegina sulla torta, come anticipato già settimana scorsa, sarà poi l’innovativa proposta, che, grazie a un’esperienza di realtà virtuale, permetterà di decollare verso lo spazio. La storica cabina di proiezione della piazza Grande, rivisitata per l’occasione, accoglierà intatti la virtual reality dei due episodi di Space Explorers: The ISS Experience, la più imponente produzione cinematografica mai realizzata fuori dall’atmosfera terrestre, presentata a Locarno in collaborazione con il Geneva International Film Festival. Ben 180 le proiezioni gratuite in programma. Prenotazione obbligatoria: locarnofestival.ch.

Capienza controllata
Come accennato in apertura, l’accesso dalla Rotonda sarà regolamentato, rispondendo alle misure necessarie per contenere la diffusione dei contagi da coronavirus. La capienza sarà dunque controllata. Di giorno si potrà entrare senza certificato COVID-19, mentre dalle 18 il «pass» sarà obbligatorio (come per le proiezioni di realtà virtuale». Infine, anche quest’anno la Rotonda sarà cashless con sistemi di pagamento senza contanti veloci e sicuri.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 2

    «Da quella mia intervista a bin Laden all’Afghanistan di oggi»

    festival endorfine

    Hamid Mir, giornalista pakistano noto per essere l’unico ad aver ottenuto un colloquio con il leader di al-Qaida dopo l’attentato dell’11 settembre, ci fornisce alcuni spunti per un’analisi più dettagliata di quanto sta accadendo nel Paese - «Non ci sono altre opzioni, bisogna dialogare con i talebani per aiutare la popolazione afghana»

  • 3

    Buon compleanno, Ivano Fossati

    musica

    Dieci anni fa ha dato l’addio alle scene, ma non ha mai abdicato al suo ruolo di intellettuale raffinato, artista schivo e musicista d’eccezione: domani, 21 settembre, compie 70 anni

  • 4

    Emmy Awards 2021: a trionfare sono «The Crown» e «Ted Lasso»

    spettacolo

    La quarta stagione della pluripremiata saga sulla famiglia reale britannica ha vinto il premio per la migliore serie drammatica regalando a Netflix la sua prima statuetta nella categoria - Alla serie con Jason Sudeikis la corona per la commedia - Premiata anche «La regina degli scacchi»

  • 5

    Addio ad Anna Chromy

    Lutto

    Pittrice e scultrice, forgiò la sua arte in Austria e Francia e studiò con Salvador Dalì: aveva 81 anni

  • 1
  • 1