La parità fa passi da gigante

locarno74

L’uguaglianza tra uomo e donna è ancora un tema centrale nel mondo del cinema, e per il Film Festival è un obiettivo - Le quote? «Sono fastidiose, eppure hanno aiutato» - La kermesse si presenta quale contenitore per affrontare questo e altri argomenti di carattere etico

La parità fa passi da gigante
©KEYSTONE/Urs Flueeler

La parità fa passi da gigante

©KEYSTONE/Urs Flueeler

Dalla sostenibilità ambientale, ai diritti umani, il Locarno Film Festival riserva uno spazio privilegiato alle questioni etiche. Tra queste anche la parità di genere, il cui raggiungimento è tra gli obiettivi dichiarati dell’organizzazione. Ma oggi, quanto è lontano ancora? «Non siamo ancora arrivati alla meta», ammette Simona Gamba, vicedirettrice operativa della kermesse, «però nella mia carriera ho potuto osservare netti miglioramenti». Sviluppi positivi che emergono in particolare dalla percezione delle persone, dall’attenzione più marcata degli interlocutori alla tematica e da una rappresentanza femminile sempre più folta. «In altre realtà esterne al Festival si nota ancora qualche margine di progresso: personalmente sarò soddisfatta quando vedrò sempre più donne in ruoli dirigenziali...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1
  • 1