La quarantena va in scena

Iniziative

La Markus Zohner Arts Company di Lugano lancia un progetto teatrale multipiattaforma: dal 1. aprile al 10 maggio è possibile seguire online le storie di quattro personaggi bloccati nelle loro case

La quarantena va in scena

La quarantena va in scena

«Come l’amore ai tempi del colera è differente da quello ai tempi di Tinder, il teatro ai tempi del Corona è differente da quello ai tempi di gennaio». Così la Markus Zohner Arts Company di Lugano ha deciso di lanciare un progetto teatrale multipiattaforma dal titolo Totentanz - La quarantena. «In quaranta puntate, dall’1. aprile al 10 maggio, potrai leggere, guardare e immergerti nei mondi di quattro personaggi che sono bloccati nelle loro case a causa del COVID-19», annuncia la compagnia teatrale. «Durante questo periodo di “calma forzata” – spiega – i quattro entreranno in contatto con se stessi, con la loro vita e con il loro passato, attraversando così un periodo di trasformazione personale profonda».
Concepito e diretto da Markus Zohner, Totentanz - La quarantena non è altro che la trasposizione dal mondo del palcoscenico in un mondo astratto e virtuale del progetto teatrale e di ricerca artistica intitolato Where do we come from? | Who am I? | Where are we going? e incentrato sulle grandi domande esistenziali dell’uomo su cui la compagnia luganese sta lavorando dalla primavera 2019. Insomma, «Invece di cancellare la nostra nuova produzione teatrale per COVID-19 – viene sottolineato – l'abbiamo trasformata in un processo artistico in Rete».
In scena, online, Patrizia Barbuiani (che firma anche la drammaturgia insieme a Zohner), Alessandra Francolini, Luca Massaroli e David Matthäus Zurbuchen. Le storie dei quattro protagonisti verranno raccolte nel sito web dedicato alla produzione, www.totenta.nz; mentre, iscrivendosi alla mailing list della compagnia teatrale, si riceverà ogni giorno una newsletter con i loro diari, le lettere, le foto, i video, gli audio. Sempre sul sito dedicato alla produzione sarà inoltre possibile assistere agli «incontri» in streaming con i singoli protagonisti.

Quella lanciata da Markus Zohner Arts Company è solo una delle molteplici iniziative culturali «a prova di coronavirus» che potete scoprire e approfondire sfogliando la rivista ExtraSette, in allegato al Corriere del Ticino il venerdì.
Per segnalare un evento «virtuale» scrivere a extra@cdt.ch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cultura & Società
  • 1

    La vita di Allegra, prima e dopo Marrakesh

    La recensione

    Presentato in diretta tv sulle tre reti nazionali della SSR e in Rete per aprile le Giornate di Soletta «Atlas», il nuovo film del regista ticinese Niccolò Castelli, convince per equilibrio narrativo e maestria tecnica

  • 2

    Una festa virtuale del film

    Cinema

    Al via mercoledì le 56. Giornate cinematografiche di Soletta, la principale vetrina della produzione elvetica – La manifestazione, per ragioni sanitarie, si tiene esclusivamente online ma senza snaturarsi, come conferma il suo ricco programma che si dipana tra proiezioni, incontri, dibattiti e masterclass

  • 3

    L’antistoria di Binet

    Recensione

    Le scoperte geografiche al centro del premiato romanzo «Civilizzazioni» assumono un andamento a prima vista paradossale

  • 4

    Il Ticino nasce con Napoleone

    Recensione

    Lo storico Manolo Pellegrini ripercorre gli avvenimenti che hanno portato all’istituzione del cantone attraverso le vicende di una ventina di personalità che hanno avuto un ruolo in questo decisivo periodo storico

  • 5

    Moresnet, lo spicchio d’Europa

    Geografia

    In un saggio più appassionante di un romanzo lo storico e giornalista Philip Dröge racconta l’incredibile vicenda del Moresnet neutrale
    minuscolo e indipendente lembo di terra, ricco di zinco, tra Belgio, Paesi Bassi e Germania, dimenticato per oltre un secolo dal diritto internazionale

  • 1
  • 1